ATTENZIONE: pagina in fase di realizzazione

Quali costruttori di toboga, riteniamo utile offrire, a chi ne fosse interessato, degli spunti di riflessione su ciò che rende particolarmente impegnativo e rischioso il trasporto di infortunati sulle piste da sci mediante toboga e, di conseguenza, offrire delle soluzioni che a nostro avviso possono fare la differenza.

Di seguito avrete modo di leggere degli approfondimenti su quelle che si possono definire come "tecniche di conduzione" che spesso sono la risultante di anni e anni di "si fa così..." che però, ad attenta analisi, risultano essere potenzialmente tecniche molto rischiose per il trasportato, il o i conduttori e non di meno per gli astanti tutti!

Sono considerazioni figlie di anni e anni di attività ed esperienze maturate sul campo, fatti realmente accaduti che dimostrano come importante sia affrontare la conduzione dei toboga con quella attenzione ai particolari che possono far la differenza tra un trasporto efficace e uno potenzialmente disastroso.

Sicurezza oggettiva

Safelab Srl, con i suoi prodotti, ha introdotto per prima il concetto di "sicurezza oggettiva" nel trasporto che in sostanza significa che la sicurezza del trasporto è quasi interamente data dal mezzo e non dal conduttore.

Grazie al sistema "TotalSafe System" (TSS) il toboga che per un qualsiasi motivo restasse privo di controllo da parte del conduttore, sarà in grado di bloccarsi totalmente in completa autonomia.

E' una "rivoluzione" che in questo settore significa aiutare non poco, in termini di scarico di responsabilità, tutte le figure che potenzialmente possono venir coinvolte in caso di incidente.

Sistema frenante

Se il sistema TSS offre una garanzia in caso di grave emergenza, il sistema frenante messo a punto da Safelab Srl, garantisce al conduttore un trasporto facile, sicuro ed agevole e completamente privo di sforzi.

Grazie ai due ripper che lo compongono è in grado di modulare la discesa del toboga senza sforzi in qualsiasi situazione di pendenza e tipo di neve lasciando al conduttore solo il compito di scegliere senza sforzo alcuno il miglior percorso possibile.

Cosa non fare

Esistono delle consuetudini, date da delle necessità oggettive che gli operatori incontrano durante il servizio, che Safelab Srl, proprio per scaricare da eventuali responsabilità gli operatori coinvolti, non consente.

 

Esse sono:

  1. Divieto di sollevare il toboga con traumatizzato a bordo

  2. Limiti di velocità

Vietato sollevare

I toboga prodotti da Safelab Srl, così come qualsiasi altro produttore, non sono progettati per essere sollevati da terreno con il traumatizzato al proprio interno. Questo limite nasce principalmente da fatto che, se si dovesse realizzare una tale struttura, il peso della stessa e i relativi costi realizzativi, sarebbero decisamente proibitivi.

Oltre a quanto sopra, non è assolutamente ragionevole trasportare una persona sollevata a 30-40 centimetri da terra, e soprattutto a 20-30 chilometri orari, in quanto esistono "infinite" variabili che possono concorrere a "creare l'incidente".

 

Lasciamo immaginare cosa possa significare far cadere un traumatizzato da 30-40 cm dal suole a 30 chilometri orari...!!! Le conseguenze sarebbero certamente nefaste in tutti i sensi e non solo per il povero traumatizzato.

Ecco perché questo divieto è esplicitato nei nostri toboga dal seguente simbolo:

Il divieto di sollevamento del toboga con traumatizzato a bordo è valido anche per il trasporto del toboga senza gli sci, cioè a piedi.

Limiti di velocità

Oltre al divieto di sollevamento, Safelab Srl definisce e impone sui propri prodotti dei limiti di velocità di conduzione. Essi sono:

massima velocità con toboga "vuoto":  12 Km/h

massima velocità con toboga "carico":  6 Km/h

La ragioni per cui Safelab Srl definisce tali limiti sui propri toboga sono:

Fortunatamente esistono pochi casi in cui un traumatizzato in pista debba essere trasportato con urgenza, ed in genere, tali casi, al giorno d'oggi, si risolvono con l'impiego dell'elicottero.

 

In ogni caso, anche se ci fosse lo stato di "emergenza" e si fosse costretti ad usare il toboga, vale sempre la "regola" che è preferibile arrivare alla meta con il traumatizzato grave, ma nelle stesse condizioni in cui e stato soccorso, piuttosto che peggiorarne ulteriormente le condizioni a causa di incidenti provocati durante il trasporto!

 

La stragrande maggioranza degli altri traumi non gravi, dovrebbero essere "trattati" con i tempi di trasporto derivanti dalle difficoltà che si incontrano in pista che sono sostanzialmente: pendenza, tipo di neve, meteo e densità degli sciatori presenti nei dintorni, e non dalla brama di arrivare il più in fretta possibile!

 

Anche durante il trasporto del toboga "a vuoto", superare una certa velocità implica un grosso fattore di rischio in quanto, anche in questo caso, le variabili che possono concorrere a creare l'incidente sono "infinite".

Anche il limiti di velocità vengono esplicitati nei toboga prodotti da Safelab Srl dal seguente adesivo

Quando nei paragrafi precedenti si fa menzione alle "infinite" variabili, la foto di seguito può essere d'aiuto ad individuarne una tra le "infinite": la particolarità di questo esempio sta nel fatto che immaginare un'eventualità come questa possa essere difficile per chiunque, eppure...

Frontalino con le due alette laterali spezzate a causa di uno sforzo eccessivo dovuto ad un sollevamento del toboga con il traumatizzato a bordo.

La rottura di questo particolare appartenente ad un toboga di altra marca, è avvenuta durante il sollevamento del toboga con a bordo una signora infortunata  e non particolarmente pesante...

Safelab Srl - Via Lemene, 10/C - 33170 Pordenone (PN) Italy 
Tel. +39 0434 922300 - Cell. +39 335 6520682 
P.IVA e C.F. 01549170932

Copyright © 2015 Safelab Srl